Terre De Femmes, il premio Yves Rocher per le donne che proteggono l’ambiente

Terre De Femmes è il premio che da ben 15 anni sostiene donne straordinarie che operano per la tutela dell’ambiente in tutto il mondo, evidenziando il loro impegno affinché serva da esempio e apra nuove strade. I progetti nati sotto il loro impulso sono molto diversi, così come le loro uniche personalità: ognuna ha la propria battaglia personale e la conduce a proprio modo.

Grazie al Premio Terre de Femmes, la Fondazione Yves Rocher ha già premiato 350 donne con progetti sviluppati in 50 Paesi del mondo e dal 2016 anche l’Italia partecipa. Il Premio Terre de Femmes prevede un riconoscimento di 10.000 euro attribuito da una giuria nazionale composta da esperti in tutela ambientale e leadership femminile e da partner dei media.

Terre De Femmes: il concorso sostenuto dalla Fondazione Yves Rocher a sostegno del pianeta

La Fondazione Yves Rocher – Istitute De France

Fondata nel 1991 da Jacques Rocher, con il prezioso sostegno dell’Institut de France, la Fondazione Yves Rocher nasce come impegno per un futuro ecologico, promuovendo la biodiversità attraverso quattro importanti progetti:

PIANTIAMO PER IL PIANETA

La Fondazione Yves Rocher s’impegna a piantare 100 milioni di piante entro il 2020, con lo scopo di combattere il cambiamento climatico, preservare la biodiversità e sviluppare l’economia dei territori coinvolti.

PREMIO TERRE DE FEMMES

Attraverso il premio Terre de Femmes, la Fondazione Yves Rocher sostiene l’impegno delle donne a favore della tutela dell’ambiente.

PIANTE E BIODIVERSITÀ

Riconoscendo l’importanza delle piante per il nostro futuro, la Fondazione Yves Rocher tutela il mondo vegetale e la biodiversità.

FOTO, POPOLI E NATURA

La Fondazione Yves Rocher sostiene i fotografi impegnati a testimoniare la situazione del nostro pianeta, attraverso il cui sguardo appare un mondo da scoprire, amare e proteggere.

La vincitrice della prima edizione italiana Terre De Femmes: Daniela De Donno

LA CASA DEI BAMBINI SANGANIGWA SI VESTE DI VERDE

Il progetto è la fase conclusiva del sostegno del Jane Goodall Institute Italia (di cui Daniela De Donno è presidente) ad un orfanotrofio in Tanzania. Il fine del progetto è quello di rendere questo orfanotrofio un villaggio ecosostenibile e autosufficiente dal punto di vista finanziario ed energetico.

Molti bambini in Tanzania sono rimasti orfani a causa dell’AIDS, oppure abbandonati da genitori alcolisti. Il progetto permette a questi bambini di vivere in vere case, accuditi con amore da una mama.

Infatti il Jane Goodall Institute Italia è riuscito nel corso degli anni a costruire 5 case famiglia, una casetta ludica, un piccolo parco giochi e una biblioteca, tutte con elettricità fornita da pannelli solari e un sistema di raccolta di acqua piovana dai tetti. Le case sono state fornite di fornelli a gas per evitare il costante uso di carbone, i bambini e ragazzi sono avviati a quanto di meglio offre il sistema educativo locale (scuole in inglese e, per i più dotati, superiori e college).

Terre De Femmes: la vincitrice italiana 2016-2017 Daniela De Donno

Come candidarsi al Premio Terre De Femmes?

Può partecipare al Premio Terre de Femmes qualsiasi donna maggiorenne, che lavori quotidianamente a progetti a favore dell’ambiente, sia attraverso una struttura senza scopo di lucro, sia attraverso una struttura avente un oggetto commerciale destinato ad un progetto di tipo sociale e ambientale, sia a titolo personale. La sua azione deve essere già iniziata e deve essere dimostrata da realizzazioni concrete.

Le candidature sono aperte ogni anno da inizio giugno a fine settembre.

Ulteriori informazioni sul sito yves-rocher.it.

Se ti è piaciuto questo, non puoi perderti questi:

 

Anna Calvia
Mostra profilo completo

Anna, 25 anni, nata e cresciuta nella metropoli milanese, ma con radici sarde e campane alle quali tengo molto. Innamorata dell’arte in ogni sua forma sin da bambina, dalla scrittura alla musica, dalla fotografia al teatro, dall’acquerello alla tempera.
Amo le tinte forti, l’arte e l’animo irrequieto che mi caratterizza.
Interpreto l’arte del trucco come se ogni viso fosse una splendida tela da valorizzare e curare, da colorare o semplicemente definire.
Segni particolari: inguaribilmente romantica, lunatica e divoratrice di vita nei suoi picchi e nei suoi abissi.

Il mio motto? E’ una mia poesia, il suo titolo è Chimera e dice:
“Cospargi le tue spine di coriandoli di luce”!

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Entra nel mondo AB!
Nome e Cognome (obbligatorio)
Data di nascita
Telefono
Città di residenza
Vuoi ricevere sconti, promo e offerte esclusive? (obbligatorio)
Reset Password